Psicologo risponde

Se hai una domanda e vorresti parlarne con uno specialista,
Chiedi allo psicologo!
clicca qui
Perfetto! Adesso compila il form ed invia la tua domanda
  • Nominativo (facoltativo)
  • email* (non verrà mai resa pubblica)
  • Domanda

  • invia la
    domanda
  • Anonimo
    Lunedì 25 Luglio 2016, alle ore 15:19
    Buongiorno,
    ho assolutamente bisogno di un consiglio.
    Io e lui ci conosciamo da 7 anni io mi sono quasi subito innamorata di lui e ovviamente più la mia maturità cresceva e più il sentimento diventava reale e non più una semplice infatuazione. Credo che il rapporto che ho vissuto si definisca malato, logorante, non sano..questo lo sento, lo capisco. Il fatto è che lui mi ha sempre tenuta appesa ad un filo, un giorno c'era il giorno dopo spariva, poi tornava e lo perdonavo e l'ho perdonato cosi tante volte per paura di perderlo,che ho perso il conto.
    Io non riesco ad immaginarmi staccata da lui.
    Mi chiedo come si possa amare a livelli così amplificati una persona, e non ricevere amore in cambio?  Dovrei stare meglio per la fine di questo rapporto ma sto male, ho un magone dentro che cresce e vorrei tanto sapere come si fa a staccarsi completamente, come si fa a non desiderare più il suo ritorno, a non immaginarsi più proiettati con lui verso il futuro. Ovviamente abbiamo avuto momenti intimi e brevi storie che si ripetevano ma che non riuscivamo a tenere in piedi.
    Ma mi chiedo come è possibile che nonostante il suo rifiuto, i suoi sbagli enormi, il suo egoismo io sia qui a chiedere come si fa a sopravvivere?
    visualizza risposta
    dott.ssa Angela Guadagno
    Sabato 23 Luglio 2016, alle ore 15:19
    Cara utente,
    vorrei riproporle la sua domanda. “Si può amare senza ricevere amore in cambio, si può amare ed essere trattati male?” Sentiamo oggi tante storie in cui ci sono donne che continuano ad amare anche persone che fanno loro del male. Mi chiedo se lei si è mai domandata a cosa le sia servito rimanere in una relazione del genere, peraltro logorante ed insoddisfacente per tanti anni.
    La risposta a questa domanda potrebbe essere importante per farle elaborare il lutto di questa storia e andare avanti con più sicurezza verso nuove strade.
    Molte volte mettiamo in atto delle relazioni sbagliate e le portiamo avanti pur di confermare un’immagine che abbiamo costruito di noi stessi nel tempo e lo facciamo inconsapevolmente.
    Mi chiedo quale sia davvero il suo problema, sente di stare bene con se stessa, crede di avere una buona autostima?
    Delle volte parte tutto da li, ci convinciamo di non meritare di meglio nella nostra vita, ci condanniamo all’infelicità con le nostre mani. Quali caratteristiche di questa persona ama cosi tanto e non vuole lasciare andare…
    Questa tipologia di rapporti, richiede molti sforzi e molto investimento emotivo che lei mi racconta ed è questo il motivo per cui si fa anche più fatica ad andare avanti.
    Come ogni perdita anche questa avrà bisogno di tempo per essere elaborata.
    Un aiuto psicologico che la faccia riflettere sul suo rapporto con gli uomini, potrà servirle in vista di un futuro migliore.

    Cordialmente 
    Dott.ssa Angela Guadagno










  • Giovanni
    Lunedì 13 Giugno 2016, alle ore 11:34
    Salve Sono disperato sono sposato da 19 anni con una straniera e da 3/4 anni sono continui litigi io non posso fare nulla che si litiga anche per cavolate....
    Litighiamo anche davanti ai bambini.
    Lei avrà anche le sue ragioni, anche perché è da molto che non va al suo paese, ma sono solo io che lavoro e la nostra situazione finanziaria è molto critica... in passato ho dovuto fare finanziamenti per mantenerla ma ora non riesco più in questo, e ciò aumentata la sua ira.... sono disperato! Non so che fare....

    Giovanni
    visualizza risposta
    dott.ssa Angela Guadagno
    Lunedì 13 Giugno 2016, alle ore 11:34
    Salve Giovanni,
    oggi è sempre più frequente anche nel nostro paese parlare di matrimoni misti.
    Dopo anni di matrimonio è normale che si verifichino delle problematiche dovute al lavoro, ai figli, all’organizzazione della famiglia.
    Nel caso dei matrimoni misti il tutto sembra aggravato dalla differenza culturale, e dal parlare linguaggi differenti. Come accennava sua moglie è molto arrabbiata perché non torna da molto tempo nel suo paese.
    Quello che posso consigliarle è un consulto psicologico di coppia, questo potrà aiutarvi a trovare un modo più funzionale di comunicare e a capire che cosa non va più nel vostro rapporto.


    Cordialmente,
    Dott.ssa Angela Guadagno